Lettera di don Ilario ai genitori dei bambini e ragazzi del catechismo

Pubblicato giorno 3 ottobre 2020 - Catechismo, In home page, in primo piano, Oratorio

 

Alle famiglie dei bambini, ragazzi e giovani della catechesi

Carissimi fratelli e sorelle,
la sera del 30 settembre scorso, ho incontrato tutti i catechisti della nostra parrocchia ed alcuni delle parrocchie della nostra Collaborazione Pastorale; ringraziando prima di tutto il Signore per la disponibilità e l’operato dei nostri catechisti, desidero condividere con voi quanto abbiamo discusso in quell’incontro. Come potete immaginare, la riflessione si è concentrata nel valutare questo tempo di emergenza sanitaria che stiamo vivendo tutti e che ci obbliga ad essere ancora molto prudenti; con i catechisti ho valutato l’opportunità di riprendere con regolarità gli incontri della catechesi per gruppi e classi; ma, tenuto conto del parere dei confratelli sacerdoti della Collaborazione Pastorale, dei catechisti stessi e delle recentissime notizie nazionali e locali che ci preoccupano, abbiamo deciso di prenderci ancora -almeno- un mese di osservazione e attendere; gli incontri regolari della catechesi rimangono dunque sospesi. Con una prossima comunicazione vi aggiornerò su possibili e auspicate prospettive migliori. Nel frattempo inizieremo comunque un percorso regolare con i bambini che avrebbero dovuto celebrare la Prima Comunione nel mese di maggio scorso; per questo, invito i genitori di questi fanciulli e fanciulle all’incontro di venerdì 09 Ottobre alle 20.30 in oratorio, dove illustrerò la proposta catechistica pensata per loro. Anche per i giovani cresimandi, con le catechiste, ho pensato ad un percorso che li aiuti a prepararsi alle celebrazioni della Cresima che saranno presiedute dal nostro Arcivescovo, domenica 08 Novembre (alle ore 09.00 e alle ore 11.00). Il primo incontro con i genitori dei cresimandi e i cresimandi stessi è in programma per venerdì 23 Ottobre alle 20.30 in Oratorio. Ho invitato i catechisti a riunirsi nuovamente con me nei primi giorni di novembre, per valutare assieme l’evolversi della situazione sanitaria e l’opportunità di riprendere la catechesi. Concludo questo breve scritto, facendo un accorato appello a tutte le famiglie: la catechesi sospesa è una grande sofferenza per la comunità cristiana e lo è ancor di più per il suo pastore! Vi chiedo di non sentirvi estranei a questa mia preoccupazione e di sentire l’impegno della trasmissione della fede ai vostri figli come una vostra primaria missione e non un “attività” delegata alla parrocchia; vi chiedo di non trascurare in questo tempo la partecipazione all’Eucaristia festiva della domenica! Portate i vostri figli alla Messa, venite assieme a loro; questo tempo rischia di raffreddare il nostro spirito e il virus più pericoloso si sta rivelando proprio questo “disamoramento” dalla comunità, dalla Santa Messa, dai Sacramenti. Non aggiungo altro ma, per un sentimento di amore che già nutro nei vostri confronti, faccio ripetere a Gesù le sue parole autorevoli ed inequivoche: “senza di me non potete fare nulla”. Prego il Signore per tutti voi, perché in questo tempo faticoso possiate comunque alimentare la vostra vita cristiana e trovare o ritrovare la gioia di sentirvi -ogni domenica- “invitati alla Cena dell’Agnello”, l’unico che offrendo se stesso può salvarci!
Vostro parroco, don Ilario.

 

SCARICA la lettera in formato pdf:

Condividi su:   Facebook Twitter Google

Lascia un commento

  • (will not be published)