I cardinali Comastri e Cantalamessa: due fantastiche riflessioni!

Pubblicato giorno 7 dicembre 2020 - Catechismo, In home page, in primo piano

Christmas Photo Facebook Cover

 

La prima meditazione del cardinale Cantalamessa: sorella morte è vita eterna

Il predicatore della Casa Pontificia Raniero Cantalamessa, creato cardinale nel Concistoro del 28 novembre, ha tenuto nell’Aula Paolo VI la prima meditazione d’Avvento, alla presenza del Papa.
 “Insegnaci a contare i nostri giorni e giungeremo alla sapienza del cuore”. È il tema con cui si è inaugurato, nel primo venerdì d‘Avvento, il ciclo di meditazioni, in programma anche l’11 e il 18 dicembre prossimi, del predicatore della Casa Pontificia, cardinale Raniero Cantalamessa.

Il porporato ha aperto la propria riflessione, nell’aula Paolo VI, citando i versi del poeta italiano Giuseppe Ungaretti che descrive lo stato d’animo dei militari in trincea durante la prima guerra mondiale con la poesia “Soldati” fatta di poche parole: “Si sta come d’autunno sugli alberi le foglie”. Oggi, ha detto il cardinal Cantalamessa riferendosi a questo periodo scosso dalla pandemia, è l’umanità intera “che sperimenta questo senso di caducità della vita”. Il predicatore della Casa Pontificia ha esortato a riflettere sulla morte, sul suo orizzonte ineluttabile nell’esistenza di ogni uomo. E ha ricordato che la vita del credente “non finisce con la morte perché ci attende la vita eterna”.

Qui di seguito l’intervento completo.


 

Ecco di seguito l’omelia del card. Comastri per la solennità dell’Immacolata concezione della Beata Vergine Maria.

 

Condividi su:   Facebook Twitter Google

Lascia un commento

  • (will not be published)